La Libia secondo Nancy Porsia, fra mafie, anarchia, ingerenze delle potenze regionali, migranti abusati e voglia di pace di un popolo

Stefano Galieni Abbiamo incontrato Nancy Porsia, giornalista, freelance e producer, esperta di Medio Oriente e Nord Africa, nel novembre del 2015, quando partecipò al nostro primo convegno organizzato come ADIF, a Palermo dal titolo “Pace e diritti nel Mediterraneo. Da allora, di pace e di diritti se ne sono visti pochi, la situazione è andata Read More …

Guida completa alle sedute della Commissione Difesa del Senato nell’Indagine conoscitiva sul contributo dei militari italiani al controllo dei flussi migratori nel Mediterraneo e l’impatto delle attività delle organizzazioni non governative

Stefano Galieni Introduzione. Sin dall’inizio, come ADIF, ci siamo occupati con estrema frequenza di quanto stava avvenendo in Italia contro l’operato delle Ong che, dalla fine dell’Operazione “Mare Nostrum” hanno salvato decine di migliaia di richiedenti asilo in mare altrimenti condannati ad aumentare il numero delle già incalcolabili vittime che giacciono sui fondali. Vittime di Read More …

Accordi tra Italia e Libia e respingimenti collettivi in acque internazionali. Cosa si nasconde dietro la criminalizzazione delle Organizzazioni non governative

Fulvio Vassallo Paleologo La situazione attuale delle attività di ricerca e soccorso operate dalle ONG nelle acque del Mediterraneo centrale è sempre più critica, tra false informazioni diffuse dai servizi segreti e da Frontex, ventate di populismo giudiziario, speculazione politica e diffamazione mediatica. A nessuno sembra importare davvero della vita e della morte di migliaia Read More …

Che fine ha fatto l’operazione Triton? Ancora vittime mentre diventano sempre più difficili i soccorsi da parte delle Ong

Fulvio Vassallo Paleologo Un comunicato di Frontex, riferisce di 2800 persone soccorse nel  Mediterraneo Centrale da cinque assetti navali della missione Triton.Nessuno di questi mezzi è stato avvistato in attività al di là della Siem Pilot (nave di Frontex) che ieri mattina si trovava appena fuori dalle acque territoriali libiche, davanti alla costa di Sabratha, Read More …

Soccorsi umanitari, trasbordi in mare e sbarchi militarizzati. Ricompare la missione Eunavfor Med. Ed a terra il sistema di accoglienza rischia il default.

Fulvio Vassallo Paleologo Dopo tre giorni di soccorsi operati in condizioni di estrema difficoltà ai limiti delle acque territoriali libiche, mentre sono ancora in navigazione le navi umanitarie che si sono maggiormente esposte per non abbandonare al loro destino i gommoni carichi di migranti nel mare in burrasca, si apprende dai mezzi di informazione delle Read More …

Mediterraneo: una politica di morte

Tutto il Mediterraneo è un mare di morte. Anziché inviare missioni internazionali di soccorso, di garantire vie d’accesso legali e sicure e di operare per la pace e il miglioramento delle condizioni di vita nei paesi di partenza, si alimentano le guerre e si indaga sui soccorritori umanitari. Si vogliono sgomberare le acque a nord Read More …

Gli accordi con i “libici” e i diritti invisibili

Si è svolto a Roma l’ennesimo incontro tra Gentiloni, Minniti e il premier del governo di Tripoli sostenuto dalle Nazioni Unite. Un incontro che è stato in forse sino all’ultimo per effetto degli scontri in corso a Tripoli, a dimostrazione concreta di quanto questo governo possa garantire l’attuazione degli impegni che assume e di quanto Read More …

L’Italia, l’Unione europea e Frontex contro i migranti

Ospitiamo volentieri un contributo inedito della nostra amica e compagna di strada Cornelia I. Toelgyes, che, normalmente si cimenta come profonda conoscitrice delle dinamice africane (Africa Express) e che invece ora prova a proseguire un ragionamento già iniziato su ADIF in merito all’accordo italo – libico, meglio conosciuto come MoU Read More …

Italiani e migranti: paura per la sicurezza, ma di chi?

di Daniela Padoan In data 8 febbraio il ministro dell’Interno Marco Minniti ha presentato in una prima audizione in Parlamento, alle commissioni Affari Costituzionali riunite di Camera e Senato,  il suo “piano per la sicurezza”, di cui abbiamo già lungamente accennato e sul quale da quasi un mese si attendevano informazioni ufficiali. Due giorni dopo, Read More …

Unhcr loda interventi europei… che non ci sono

Fulvio Vassallo Paleologo Dalle agenzie più disparate filtrano a fatica i dettagli delle ultime operazioni di ricerca e soccorso nel Mediterraneo Centrale. Sembra che l’opinione pubblica europea debba essere tenuta all’oscuro di quanto sta avvenendo in queste settimane davanti alle coste libiche, dove sono ridotte a due soltanto le navi delle organizzazioni umanitarie ( Proactiva Read More …

Costa libica: meno navi di soccorso più persone a rischio. Gli effetti dei nuovi accordi

Fulvio Vassallo Paleologo Ripiegamento delle navi umanitarie dopo il rafforzamento dei rapporti tra EUNAVFOR MED e Guardia Costiera libica. Ancora vite umane a rischio.  Sono anni che, dopo ogni strage nel Mediterraneo, i vertici dell’Unione Europea e quindi le agenzie militari che vi corrispondono, come FRONTEX o EUNAVFOR MED, suggeriscono il rafforzamento delle missioni di Read More …

Catena di stragi nel Mediterraneo centrale mentre EUNAVFOR MED avvia la formazione della Guardia costiera libica. Che fine ha fatto Frontex ?

Fulvio Vassallo Paleologo Secondo quanto testimoniano gli operatori umanitari presenti a Lampedusa, come si legge in un comunicato  odierno di Mediterranean Hope, “sono arrivati questa notte intorno all’una e un quarto i 29 sopravvissuti al naufragio avvenuto davanti le coste libiche. Da quanto ci risulta l’imbarcazione partita dalle vicinanze di Tripoli conteneva 140 persone, dovrebbero Read More …

Agenti libici a bordo delle navi di Eunavfor Med, malgrado gli attacchi alle navi umanitarie e le stragi continue.

Da oggi agenti della sedicente Guardia Costiera libica si trovano a bordo della nave San Giorgio(1) a capo del dispositivo europeo  EUNAVFOR MED ( Operazione Sophia), per portare a compimento quella formazione congiunta prevista in base agli accordi stipulati alcuni mesi fa. Da quando i paesi europei non possono più praticare respingimenti collettivi diretti per Read More …

L’operazione EUNAVFOR MED (Operazione Sophia) e la nuova Guardia di frontiera e costiera europea di fronte al collasso della Libia

Fulvio Vassallo Paleologo Dal mese di settembre del 2015 l’operazione Eunavfor Med (European Navy For(ce) Mediterranean) veniva lanciata dall’Unione Europea con il proposito di contrastare l’immigrazione irregolare e di stabilire rapporti di collaborazione con le guardie costiere dei paesi africani di transito nei quali si snodava il cd. Corridoio del Mediterraneo centrale, la via di Read More …

Giorni di commemorazioni e di stragi in mare. Gli accordi con i paesi terzi asciugano presto le lacrime di coccodrillo.

Fulvio Vassallo Paleologo Le commemorazioni per la strage di Lampedusa del 3 ottobre 2013, dopo la rimozione dell’altra strage dell’11 ottobre dello stesso anno, a sud di Malta, doveva costituire una dimostrazione dell’attenzione delle istituzioni e degli uomini di governo verso i diritti dei migranti, calpestati tutti i giorni, a partire dal diritto alla vita. Read More …