Difendiamo l’umanità, non i confini, 2 giugno, Festa della Repubblica che ripudia la guerra

ADIF aderisce e si riconosce in questa importante mobilitazione che si terrà il 2 giugno a Roma. Tenere insieme i fili della condanna alle guerre a quelli delle catastrofi umanitarie, non da ultima quelle delle migrazioni forzate che queste determinano, è sempre stato al centro dei nostri  interessi e delle nostre proposte. La proposta di Read More …

Carta di Milano – La solidarietà non è reato

Pubblichiamo il testo del documento presentato il 20 maggio 2017 a Milano durante la manifestazione “Insieme contro i muri”. Alle firme degli estensori aggiungeremo le successive adesioni.   Carta di Milano – La solidarietà non è reato Allarmati da uno scenario politico e mediatico di costruzione dell’odio e dell’indifferenza non solo nei confronti dei profughi e Read More …

Immigrazione: una proposta di legge necessaria ma non sufficiente

Stefano Galieni Da alcune settimane numerose forze associative, sindacali, politiche, stanno raccogliendo le firme per una proposta di legge di iniziativa popolare dal titolo “Nuove norme per la promozione del regolare soggiorno e dell’inclusione sociale e lavorativa di cittadini stranieri non comunitari”. La campagna con cui viene lanciata la proposta ha uno slogan splendido”Ero straniero” Read More …

Ucraina, una guerra dimenticata che ha ucciso anche Andrea

A tre anni  dalla uccisione del giornalista Andrea Rocchelli e del suo collaboratore Andrey Mironov, di cui già abbiamo scritto, un incontro importante, organizzato anche da ADIF, con la presenza dei genitori di Andrea, della loro avvocata (la nostra Alessandra Ballerini) e dell’europarlamentare GUE-NGL Eleonora Forenza. Un’occasione che giunge dopo una visita dell’europarlamentare negli stessi luoghi Read More …

Prima la vita delle persone, poi la difesa dei “confini marittimi”. Ancora vittime sulla rotta del Mediterraneo centrale.

di Fulvio Vassallo Paleologo. Negli ultimi giorni, forti delle motovedette regalate dall’Italia, gli agenti della sedicente “Guardia costiera” libica hanno pure sparato sui migranti. Sembra che abbiano sparato in aria, ma diversi gommoni si sono rovesciati per il panico o durante i rimorchi, e centinaia di persone risultano disperse, oltre i pochi cadaveri che sono Read More …

Migrazioni e futuro dell’Europa, sei proposte per agire

di Guido Viale Si è tenuto mercoledì 24 maggio a Milano un convegno dal titolo, Accogliere emergenze, promuovere diritti, promosso dalla Casa della Carità e che ha visto interventi di estremo rilievo. Pubblichiamo quello del nostro  amico Guido  Viale che avanza sei proposte su cui da tempo e in tanti, anche in ADIF, ragioniamo e Read More …

Al via l’addestramento della Guardia costiera libica. Importante ruolo dell’Italia

Cornelia I. Toelgyes* Quartu Sant’Elena, 24 maggio 2017 “Una motovedetta libica ha sparato diversi colpi interrompendo le nostre operazioni di recupero. La situazione era sotto controllo almeno fino a quando non abbiamo udito i primi spari e visto le persone a bordo del gommone picchiate. Circa 100 persone in preda al panico si sono gettate Read More …

Solidarietà alle sindache che accolgono i migranti

di Daniela Padoan Dopo la marcia #20maggioSenzaMuri che ha riempito le strade di Milano di allegria e colori come non si vedeva da tempo – e come anzi non si era mai visto, perché c’erano tutte le comunità straniere, con striscioni e cartelli, musiche, abiti tradizionali, bambini e passeggini – tre prime cittadine del milanese, Read More …

Da Milano una Carta per i diritti di tutti. Senza solidarietà non c’è sicurezza.

Di Fulvio Vassallo Paleologo La Carta di Milano costituisce un percorso che è stato rafforzato dalla grande manifestazione di sabato 20 maggio. Una manifestazione plurale che ha sconfitto le trappole della divisione e che ha riproposto con forza un messaggio molto chiaro. In tempi di ricorrenti allarmismi e di attacchi ai migranti ed a tutti Read More …

Contro le ingiustizie e le repressioni servono voci e mani coraggiose

Alessandra Ballerini* «Abbiamo bisogno di voci coraggiose di eroi comuni che si oppongano all’ingiustizia e alla repressione», questo è l’invito di Salil Shetty, Segretario Generale di Amnesty International in apertura dell’ultimo numero della rivista trimestrale della nota organizzazione umanitaria. Aggiungerei a questa accorata richiesta, oltre alle voci coraggiose, il bisogno di mani, altrettanto impavide. Amnesty Read More …

Dal 20 maggio: una piazza non fa primavera ma può aprire una fase

Stefano Galieni La manifestazione di sabato 20 maggio a Milano merita a mio avviso alcune riflessioni utili anche per il futuro. È stata bella, plurale, ricca di contenuti, allegra e impetuosa, meticcia e imponente, non solo per i numeri. Ha raccontato per lo spazio di un pomeriggio, dell’esistenza di un paese che non è come Read More …

Libia. Altolà di Haftar al memorandum di Roma e nuova denuncia Oim sul mercato degli schiavi

di Emilio Drudi A ben vedere, ha tutta l’aria di un pesante altolà. Nei confronti della politica italiana ed europea in Libia. A lanciarlo è stato il generale Khalifa Haftar, l’attuale “uomo forte” della Libia, capo dell’esercito nazionale e sostenuto dal Parlamento di Tobruk. L’occasione gliel’ha offerta l’incontro che ha avuto ad Abu Dabhi, negli Read More …

Eritrea. Gli atleti che antepongono la denuncia contro il regime al successo

di Emilio Drudi È tra i protagonisti del centesimo Giro d’Italia. Si chiama Daniel Teklehaimanot, viene dall’Eritrea e corre per la squadra sudafricana di Dimension Data. Anzi, ne è il leader. È esploso fin dalle primissime tappe, conquistando subito la maglia azzurra della classifica per gli scalatori. Non è stato un exploit occasionale. Tutte le Read More …

L’orrenda strage di Centocelle: finalmente la sinistra si mobilita

di Annamaria Rivera* Chiunque sia l’assassino che nella notte fra il 9 e il 10 maggio scorsi ha ridotto in cenere i poveri corpi di Francesca, Angelica ed Elisabeth, è indubbio che quest’atto atroce sia stato favorito dalla marginalità, dalla stigmatizzazione, dalla condizione di povertà estrema inflitte a una parte della diaspora rom: tali da Read More …

Denmark: Right-wing government and Social Democrats agree on restrictive asylum policy

Da tempo il governo conservatore in Danimarca concorda, anche con i social democratici, per una politica maggiormente restrittiva nei confronti dei rifugiati. Dopo una breve stagione in cui l’arrivo dei richiedenti asilo incontrò una accoglienza popolare positiva, l’arrivo di 10 mila persone, per la maggior parte intensionati a trasferirsi in Svezia, nell’autunno 2015, portò a Read More …