La “Realpolitik” con l’Egitto nasconde naufragi, sparizioni forzate, torture. Per l’Unione Europea sono i giorni del disonore.

Dopo la proposta fatta dal Presidente del Parlamento Europeo Schulz, la Cancelliera tedesca Angela Merkel , nel corso del recente vertice europeo di Vienna, proprio negli stessi giorni in cui si raccoglievano i cadaveri dell’ennesima strage di migranti davanti alle coste di Alessandria d’Egitto, ha rilanciato l’ipotesi di un accordo con il governo egiziano per Read More …

Il secolo dei rifugiati ambientali: una prima riflessione su un convegno riuscito

Ci è giunto e lo apprezziamo, un resoconto del Convegno che si è tenuto a Milano il 24 settembre  scorso e di cui ADIF era fra i promotori. Ringraziamo l’autore, non solo nostro caro compagno di tante battaglie ma anche, in questo caso, fra i conduttori dell’importante giornata. A breve pubblicheremo sia gli atti del Read More …

Sinossi – Il secolo dei rifugiati ambientali

Il 24 settembre si terrà a Milano, nella Sala delle conferenze di Palazzo Reale, un convegno internazionale organizzato e promosso da Barbara Spinelli e dal gruppo GUE/NGL del Parlamento europeo, che si propone di riflettere su una figura generalmente trascurata sul piano giuridico: quella del rifugiato per motivi ambientali. Secondo le stime dell’Alto Commissariato delle Read More …

Nota informativa sui rifugiati ambientali

  Il termine “rifugiati ambientali” RIFUGIATI AMBIENTALI L’espressione “rifugiati ambientali”, usata per la prima volta negli anni Settanta dall’ambientalista Lestern Brown, benché molto utilizzata, non ha ancora trovato una definizione propria e condivisa. Tra le più accreditate resta quella di Norman Mayer, tra i maggiori studiosi del fenomeno: «I rifugiati ambientali sono persone che non Read More …

Caltanissetta, Kafka e un permesso di soggiorno

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa “piccola storia ignobile” (citando Guccini) che fa parte dell’ordinaria burocrazia italiana. La vicenda che ci raccontano gli operatori dello Sportello per immigrati di Caltanissetta non accade purtroppo soltanto nel contesto della provincia siciliana. Attiene a quella lofgica della discrezionalità e dei diritti che si trasformano in favori negati o elargiti Read More …

Fascismo della frontiera. Fase III. Caccia al migrante

di Flore Murard-Yovanovitch* (dal Manifesto del 22/09/2016) Caccia al migrante. L’ultima vittima è un ventenne afghano che avrà percorso dai monti afghani 4.000 chilometri per la salvezza, colpito al petto sul confine serbo-bulgaro da cacciatori di uomini. Nei fitti boschi che sorgono lungo le frontiere dei Balcani è ormai prassi notturna da parte di cittadini Read More …

Fertility Day, in quello spot così assurdo tutti gli errori di una politica assente

Alessandra Ballerini* SIGNORA Ministra, credo di rappresentare per Lei e ancor di più per i suoi esperti di comunicazione che agiscono spesso, pare, a sua insaputa, una vera e propria spina nel fianco, forse addirittura un dolore. Costituisco, in effetti, il prototipo di donna che lei rifiuta e. direi, schifa. Ho (ancora per pochi mesi) Read More …

La sfida dei profughi ragazzini

di Emilio Drudi Ha cercato di saltare su un Tir in corsa, alle soglie dell’Eurotunnel, ma è finito sotto le ruote. E’ morto così, a Calais, un ragazzino afghano di appena 14 anni. E’ la più giovane delle decine di vittime del muro eretto per fermare i profughi sul versante francese della Manica. Ma ad Read More …

Processo di Khartoum e Migration Compact nella prospettiva di esternalizzazione dei controlli di frontiera.

Fulvio Vassallo Paleologo 1.Nel corso del semestre di Presidenza dell’Unione Europea nel 2014 l’Italia ha lanciato il Processo di Khartoum che, nel solco del Processo di Rabat e degli Accordi di Cotonou, tendeva a trasferire sui paesi terzi, di transito e di origine, il compito di “difendere” le frontiere europee di fronte ad un crescente Read More …

A New York si fanno promesse che i fatti continuano a smentire

Stefano Galieni L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha prodotto il 19 settembre una Dichiarazione di New York su migranti e rifugiati. Un segnale positivo in quanto per la prima volta l’Onu affronta il tema in chiave globale e in quanto 55 paesi hanno partecipato al summit che ha prodotto il testo. Ma leggendo il testo Read More …

Dalla sicurezza delle persone in mare alla “sicurezza interna dell’Unione Europea”. L’esternalizzazione dei controlli di frontiera uccide.

1. Le prassi di polizia si consolidano in un Regolamento europeo, in cerca di una base legislativa uniforme per le operazioni di respingimento e rimpatrio. Il 14 settembre 2016 veniva approvato in via definitiva il Regolamento europeo riguardante la Polizia di frontiera e la Guardia Costiera europea. Il Regolamento “istituisce una guardia di frontiera e Read More …

Profughi, sempre più a sud

di Emilio Drudi I 40 sudanesi rimpatriati da Ventimiglia probabilmente sono solo l’inizio. Li hanno presi nel centro accoglienza della Croce Rossa dove si erano rifugiati, portati in questura a Imperia e da qui trasferiti a Torino Caselle, per essere caricati, sotto scorta, su un volo speciale per Khartoum. Poi, dopo averli consegnati alla polizia Read More …

L’inaccettabile prezzo del fallimento”

Questo intervento  del Presidente  della Missione Italia di MSF è stato pubblicato ieri su Repubblica, in contemporanea all’apertura  del vertice ONU di New York sull’immigrazione. Abbiamo apprezzato  l’asprezza con cui si denunciano l’ipocrisia e le scelte sbagliate compiute  verso milioni di persone.  Una lista immensa di paesi alla deriva che il lavoro dell’organizzazione Premio Nobel Read More …

Marcia per i diritti: uniti siamo, insieme possiamo

La proposta è quella di una marcia che unisca le differenze per  ricostruire  alleanze fra chi vive nello stesso paese e spesso ne deve affrontare le difficoltà e le ineguaglianze. Ad ADIF è giunto questo testo che rilanciamo per un appuntamento da costruire e che risponde ad una domanda che è anche la nostra e Read More …

Politiche migratorie, poche idee ma ben confuse

I “nove punti sull’immigrazione” di Maroni, Zaia e Toti ipotizzano il ritorno a un passato fallimentare. Ma anche dal vertice di Bratislava arrivano idee confuse e già sperimentate con esiti negativi   A quanto pare, la breve pausa estiva non ha portato consiglio alle classi politiche italiane ed europee: le quali, almeno in materia di Read More …